France  UK  Spain  italie icone 3687 32

Metodo SINOVI®

Un metodo di di movimento per le articolazioni

DSC 8307

Giro la testa e sento che il mio collo fa strani rumori, o che mi fa male facendo certi movimenti. Per evitare questi dolori potrei forse limitare i miei movimenti o farne solo alcuni, e fabbricarmi un collo meno dolorante…. ma anche meno mobile.

Se osservo altre parti del mio corpo, è il piede, per esempio, che nella sua scarpa, limita i movimenti delle sue dita. O anche il tallone, dove credevo di avere un osso sotto la caviglia, mentre invece sono due, posati uno sull’altro, che potrebbero muoversi meglio. Ma io lo ignoro, poiché da molto tempo il mio piede ha ridotto i movimenti a questo livello. Sento addirittura che non potrei quasi fare alcun movimento lì. E’ un luogo dormiente, un po’ come la bella addormentata.

DSC 7275Questo limite del piede, al di sopra di esso, non permette neanche alla mia gamba di eseguire quei piccoli movimenti, che le farebbero tanto bene quando cammino. E quindi anche quest’ultima è lo stesso un po’ prigioniera, ha dei movimenti anche lei un po’ limitati. Riesco a camminare sicuramente, ma le mie articolazioni non usano tutto il loro potenziale nella vita quotidiana.

Poi, un giorno, durante un esercizio quotidiano ho scoperto che la mia cassa toracica, invece che essere un blocco rigido, poteva diventare flessibile, poteva diventare un luogo dove tutte le mie coste potevano giocare un ruolo con la mia colonna vertebrale. Esse potevano ruotare, allontanarsi, avvicinarsi, girare su se stesse.

Inoltre questa flessibilità posteriore delle mie coste libera i movimenti della mia respirazione, che può svilupparsi, liberamente, come non faceva da anni. Un benessere che mi fa ritornare a quando ero bambina. Ma di più ancora: la mia respirazione riempie la mia schiena e il movimento si amplifica sia lateralmente che sul davanti. Spontaneamente, io mi metto ad ampliarlo, ad allargarlo senza particolare sforzo. Perché a volte restituire una certa mobilità a una zona del corpo, significa dare giovamento anche alle zone vicine.

Questo gusto per il movimento lo porto con me. Non come un’esercitazione, ma semplicemente ritrovando i gesti quotidiani per ritrovare le nostre articolazioni morbide, ben oliate.

DSC 7345E’ lo scopo del metodo Sinovi, creato da Blandine Calais Germain, che mette insieme in un corso dei movimenti dedicati alle articolazioni.

In effetti ci sono movimenti che si occupano precisamente delle articolazioni In questi movimenti non si cerca la forza muscolare, l’allenamento cardiaco, né lo stretching, ma si vuole ritrovare o conservare uno scivolamento facile di ogni giuntura, un po’ come se si mettesse dell’olio in un ingranaggio.

Che cos’è un’articolazione? A livello scheletrico è il punto in cui si uniscono 2 ossa in un contatto che permette loro di muoversi. Alcune, tra loro permettono pochissimi movimenti (come le suture del cranio) altre, al contrario, permettono movimenti ampi e ben visibili. Le troviamo in quasi tutto il corpo, ed è a queste che si indirizza il metodo Sinovi creato da Blandine Calais Germain.

Cosa c’è di particolare in questo metodo? Ritroviamo negli esercizi 3 aspetti che corrispondono a 3 elementi presenti nelle articolazioni: la cartilagine, la capsula e il liquido sinoviale.

1) Osserviamo la cartilagine: all’interno della giuntura, le ossa sono ricoperte di questo strato biancastro e brillante, molto liscio. La cartilagine è spesso un elemento molto trascurato nelle tecniche di movimento: tutto avviene come se fosse normale che non ci siano mai problemi. E quindi l’usura della cartilagine crea quindi difficoltà o addirittura impedisce il movimento di molte articolazioni.

DSC 7232 1La cartilagine è un tessuto idrofilo, cioè attira attorno a sé l’acqua che la circonda, in particolare il liquido sinoviale. Questo si produce, in particolare, quando muoviamo un’articolazione senza pressioni. Il metodo Sinovie quindi cerca di evitare tutti i movimenti che possono creare una compressione sulle cartilagini. Quindi si andrà in particolare a evitare tutti i movimenti che mettono in carico le articolazioni e il più sovente questa sarà mobilizzata con uno strumento esterno (oggetto, mano opposta, sciarpa).

Ma esiste un’altra forma di compressione, meno conosciuta, causata dal fatto che quando un muscolo si contrae attorno ad una articolazione, si accorcia in lunghezza. Il suo accorciarsi fa avvicinare le 2 ossa dell’articolazione tra di loro, e questo crea delle compressioni al livello delle cartilagini. Durante una sessione del metodo Sinovi si eviteranno queste compressioni. Ecco perché i movimenti sono spesso passivi, non sono fatti dai muscoli dell’articolazione. Possono tuttavia essere fatti dalla persona su di sè, utilizzando altre parti del corpo per far muovere la regione interessata.

2) osserviamo la capsula: è una specie di manicotto fibroso che avvolge le due estremità ossee come una guaina impermeabile. Essa mantiene le due ossa insieme, ma le permette di muoversi. E’ un involucro che non è quasi per niente elastico. Nei movimenti del corso Sinovi si eviteranno quasi sempre le tensioni della capsula. Perché? Perché questo può creare delle compressioni sulle cartilagini . ecco perché i movimenti saranno sempre di entità moderate. Non si cerca a priori lo stiramento della capsula.

3) osserviamo il liquido sinoviale: si è spesso sentito parlare del liquido sinoviale che si trova nel ginocchio, una grande articolazione. Ma in realtà questo è presente in tutte le articolazioni, anche quelle che sono molto piccole, come tra le falangi delle dita dei piedi. Il liquido sinoviale si trova all’interno della capsula. Come un olio negli ingranaggi permette lo scivolamento delle cartilagini nutrendole.

Il liquido sinoviale ha una particolarità: esso diviene più fluido quando c’è del movimento. Esso si ripartisce allora meglio nella capsula articolare e idrata più facilmente la cartilagine. E questa è la ragione per cui nel metodo Sinovi si ripetono sempre tutti i movimenti più volte. Ed anche la ragione per cui a volte si lavora con la musica, in particolar modo per il ritmo.

Il metodo propone :

  • Dei movimenti che mobilizzano particolarmente il liquido sinoviale
  • Dei movimenti che favoriscano il nutrimento delle cartilagini
  • Dei movimenti senza compressioni sulle superfici articolari
  • Dei movimenti con pressioni dosate o ritmate
  • Dei movimenti che si indirizzato alle capsule articolari
  • Dei movimenti che mobilizzano i legamenti senza distenderli
  • Dei movimenti che allunghino o decontraggano certi muscoli per liberare l’articolazione
  • Dei movimenti che rafforzino certi muscoli per mantenere salda l’articolazione

Questo metodo è stato creato a seguito di numerose richieste sorte molto tempo fa nei corsi di anatomia per il Movimento. Molte persone insegnano il movimento senza sapere precisamente cosa fare per le articolazioni.

Che cosa può apportare questo metodo alle articolazioni ?

  • Riconoscere meglio i movimenti articolari
  • Sapere quali gesti sono più propizi per l’articolazione
  • Saper variare il tracciato di uno stesso movimento
  • Saper alternare i muscoli in un movimento per alleggerire il carico
  • Sapersi proteggere da certe situazioni aggressive
  • Evitare certi movimenti a rischio
  • Prevenire certi rischi articolari

Il metodo non è presentato come una terapia, anche se certi movimenti messi in gioco possono essere considerati terapeutici. Lo scopo si limita all’igiene, alla qualità di vita, alla prevenzione.

Il metodo Sinovi®  fa parte del Gesto Anatomico®

Il Gesto Anatomico® è la parte pratica del lavoro di Blandine Calais Germain

Due altri metodi compongono il Gesto anatomico: Addominali senza rischio® e Perineo e Movimento®

Ma informazioni a Lucca :
Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser.
o chiamare al numero italiano 0039 3478186122

.

Prossimi stage

Back to Top